top of page

Regione Piemonte: non ci fermiamo mai per le nostre Montagne!

Proseguono con determinazione gli sforzi della Regione Piemonte per sostenere lo sviluppo delle zone montane e collinari, con un bando per infrastrutture turistiche di 5.140.000 euro, mirato a promuovere l'attrattività e sostenere il settore outdoor.

"Con questa misura il Presidente della Regione Alberto Cirio e il Vice Presidente ed Assessore alla Montagna, Fabio Carosso rinnovano l’attenzione al turismo outdoor, un'opportunità chiave per il Canavese e un elemento di attrazione essenziale. - afferma Andrea Cane, consigliere regionale canavesano della Lega- Questi interventi sono parte di una strategia strutturale di rafforzamento e valorizzazione delle nostre montagne, una direzione che abbiamo seguito con determinazione negli ultimi anni. Ricordiamo i successi dei bandi per la residenzialità in montagna, le botteghe dei servizi e le green communities, che hanno trasferito risorse cruciali a favore della montagna".

Il bando prevede investimenti nelle zone di collina e di montagna comprese nelle aree B, C1, C2 e D, coinvolgendo circa 900 comuni di montagna e collina. Sono escluse le zone di collina e montagna comprese negli areali A, riferibili alle aree urbane e periurbane.

Gli investimenti ammissibili, previsti nell'azione 4 del complemento per lo Sviluppo Rurale della Regione, riguardano le infrastrutture turistiche per il turismo outdoor, le strutture di servizio, comprese aree di sosta per campeggio e camper, bivacchi, servizi igienici, punti panoramici, aree picnic e adeguamento dei rifugi per fronteggiare emergenze idriche e le attrezzature a sostegno del turismo per persone con esigenze complesse e differenziate.

I beneficiari saranno enti pubblici, singoli o associati, o associazioni private senza scopo di lucro, legalmente costituite e aventi come finalità statutaria le attività di outdoor. Saranno possibili partenariati tra soggetti pubblici e privati e i criteri di selezione favoriranno gli investimenti che prevedono la valorizzazione del patrimonio.

“Il futuro turistico delle nostre montagne e colline si delinea con nuove opportunità grazie a questo bando, contribuendo alla crescita sostenibile e alla valorizzazione della ricchezza naturalistica canavesana” ha concluso Andrea Cane, leghista residente in Val Soana.


40 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page