top of page

Andrea Cane: sostegno per Margaritelli Ferroviaria di Caluso per tutelare i lavoratori

Andrea Cane (Lega Salvini Piemonte): “Presentato un ordine del giorno per sostenere Margaritelli Ferroviaria, le cui attività sono messe a rischio dalla chiusura della linea ferroviaria tra Italia e Francia”

Il consigliere regionale della Lega, Andrea Cane, ha presentato oggi un ordine del giorno volto a sostenere l'azienda Margaritelli Ferroviaria S.p.A. che ha manifestato in un recente incontro le difficoltà a seguito della chiusura della linea ferroviaria tra Italia e Francia via Modane, causata da una frana nell'agosto del 2023.

“Margaritelli Ferroviaria, azienda presente sul territorio canavesano, è un importante fornitore di traverse per le Ferrovie francesi SNCF dal 2008, esporta annualmente da 200.000 a 300.000 unità. La chiusura della linea ferroviaria ha bloccato le consegne, causando un impatto significativo sull'azienda, con possibili ripercussioni sul mercato italiano e piemontese. Attualmente, SNCF si rifornisce da altre aziende francesi e belghe, minacciando la posizione di Margaritelli Ferroviaria nel settore. Inoltre, l'azienda ha annunciato la possibilità di attivare, entro fine marzo, un periodo di Cassa Integrazione che coinvolgerebbe parte del personale e avrebbe ripercussioni nel territorio di Caluso ed Ivrea” ha dichiarato Andrea Cane, consigliere canavesano eletto in Regione con la Lega che nei- giorni scorsi ha incontrato i vertici aziendali del Gruppo Margaritelli insieme all’On. Alessandro Giglio Vigna.

L'ordine del giorno presentato dal consigliere Cane sottolinea l'importanza strategica dell'azienda, specializzata nella produzione di traverse per la costruzione di linee ferroviarie, e il ruolo chiave che svolge nel mercato ferroviario internazionale. “Mi sono fatto portavoce presso il rappresentante del territorio al Governo, il deputato Giglio Vigna - ha incalzato Andrea Cane, vicepresidente della commissione Sanità in Consiglio regionale - e, con questa iniziativa, voglio coinvolgere la Giunta regionale affinché si intraprendano tutte le iniziative necessarie per difendere il lavoro dei dipendenti di Margaritelli Ferroviaria e tutelare l'intera rete di fornitori e dell'indotto che potrebbero subire danni a causa della chiusura del collegamento ferroviario. Sono determinato a sostenere l'azienda, per la quale in passato avevo anche lavorato durante gli studi del mio ciclo universitario nell’allora sede ubicata a Chivasso: ritengo sia necessario lavorare a stretto contatto con le autorità competenti per trovare soluzioni alternative e temporanee al trasporto delle traverse in attesa della riapertura della linea ferroviaria”.


10 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page