top of page

Andrea Cane (Lega Salvini Piemonte): “Convegno obesità, medicina e sport in sinergia in Piemonte”


L’obesità, definita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come “uno dei maggiori problemi di salute pubblica dei nostri tempi”, è stata oggetto di un convegno curato dagli Stati generali della Prevenzione e del benessere e promosso dal Consiglio regionale del Piemonte.

“Obesità, la patologia del terzo millennio – ha detto durante i lavori il vicepresidente della commissione Sanità Andrea Cane, della Lega Salvini Piemonte – è un titolo che pone l’accento su tutte le patologie invalidanti che si legano al sovrappeso dalle malattie cardiovascolari, fino al diabete di tipo 2, all’ ipertensione, agli eccessi di colesterolo e trigliceridi nel sangue, fino alle patologie articolari. In media chi è obeso vive 10 anni di meno, con il senso di una colpa individuale, oggetto di disapprovazione sociale e stigma nei confronti delle persone che ne soffrono.

Per superare la parabola che sembra caratterizzare l’obesità l’approccio è, naturalmente, multifattoriale ma esistono forti evidenze scientifiche che dimostrano come uno stile di vita sano abbia effetti benefici sulla prevenzione primaria e secondaria di patologie. I lavori di oggi ci hanno ribadito che incentivare la pratica sportiva con investimenti mirati consentirebbe di generare esternalità positive a livello sociale ed economico”.


“Il Piemonte si sta muovendo in questo senso – ha aggiunto il consigliere della Lega Andrea Cane, che ha la delega per gli Enti locali piemontesi – con progetti come per esempio quello del 'Metodo Michela Calandretti', che a Torino ha uno studio-palestra adeguato ad unire medicina e sport, che offra attività fisica adeguata non solo a chi soffre di obesità ma anche di stress profondo, tumori, disturbi cognitivi. L’approccio è mutuato dall'esperienza della Brest Unit di Città della Salute di Torino e mira ad un esercizio fisico approcciato con metodo e frequenza costante per ridurre ansia, stress, solitudine, prevenendo i comportamenti a rischio che diventano poi patologie gravi”.













51 visualizzazioni0 commenti

コメント


bottom of page